Alzi la mano chi ricorda il concetto di #Socialroutine!

Qualche mese fa vi avevo vedo che puntualmente, appena sveglia, inizio una sorta di routine dei social, partendo da Twitter (il mio social preferito!) per poi arrivare a Pinterest.

Se siete affezionati lettori del Blog di Frutti Digitali avrete già letto i miei articoli su Facebook, Instagram e LinkedIn, se ve li siete persi vi consiglio vivamente di recuperali 🙂 !

Twitter: alcuni cenni

Nato il 21 Marzo 2006  Twitter da to tweet “cinguettare” permetteva di utilizzare solo 140 caratteri. Da Novembre 2017 i caratteri sono stati ampliati a 280 compresi link ed emoticon, immagini escluse.  Anche su Twitter, come su Instagram, si hanno i followers e i following.

Inoltre prima di addentrarti nel fantastico mondo Twitter proviamo a chiarire alcuni elementi fondamentali del suo dizionario:

  • @username: utilizzato per menzionare l’utente, tutti possono menzionare chiunque;
  • RT: retwettare, ovvero la possibilità di ricondividere sia in maniera semplice che con commento;
  • DM: Direct Message, ovvero la possibilità di inviare messaggi in maniera privata. È possibile mandare messaggi solo se si segue il profilo.

Marketing e Social Media: Twitter

Se state pensando di aprire un canale Twitter da inserire nel vostro piano di Marketing vi dico già che generalmente è un scelta che viene fatta dai grandi brand o grandi aziende. Essere originali nella creazione dei contenuti è uno degli elementi vincenti per questa tipologia di social.

Generalmente viene aperto un profilo aziendale per:

  • per diffondere contenuto relativo alla propria azienda;
  • comunicare novità;
  • far conoscere il proprio brand e interagire con il pubblico

L’Hashtag

Nato originariamente su Twitter per raggruppare un determinato argomento è possibile fare delle ricerche attraverso di esse. Se un hashtag riscuote successo perché è legato a un numero corposo di persone che parlano di un determinato argomento, l’hashtag va in tendenza.

Cosa Pubblico?

Quando un social viene inserito in una strategia di Marketing gli elementi da considerare sono gli obiettivi da raggiungere, il target a cui vuoi parlare e l’argomento inerente al tuo brand e all’interesse della tua community. Non c’è un limite di volte in cui è possibile pubblicare e il successo è dato dal contenuto del tweet, dall’orario e dal numero di followers. Rimane opportuno verificare con gli analytics.

Inoltre, durante eventi, lanci, promozioni è possibile attuare una strategia di Live Twitting con hashtag inerenti al settore o creati ad hoc per l’evento.

Hai già un profilo Twitter per la tua attività? cosa ne pensi di questo social? ?

Summary
Social Routine: Twitter
Article Name
Social Routine: Twitter
Description
In una #socialroutine che si rispetti è necessario inserire anche Twitter, un social diverso dagli altri ma dalle grandi potenzialità se inserito in una strategia di Social Media Marketing.
Author
Publisher Name
Frutti Digitali - Agenzia Web Marketing & SEO
Publisher Logo
Ti è piaciuto l'articolo? Condividi!