Utilizzare un Chatbot come fattore differenziante dal resto delle altre Agenzie Immobiliari è una delle scelte migliori che un agente immobiliare può fare per trovare nuovi clienti.

Perchè utilizzare un Chatbot immobiliare

L’obiettivo principale delle agenzie immobiliari è trovare sempre nuovi clienti e  incarichi, con i tassi d’interesse ai minimi storici, l’acquisto di una casa è oggi più allettante che mai, non solo per chi deve ricorrere a un mutuo, ma anche per gli investitori per diversificare i propri investimenti, in poche parole è tornato ad essere relativamente facile vendere a patto che si abbiano immobili da vendere!

Negli ultimi anni i Chatbot dopo aver fatto parlare di sé e iniziato ad essere diffusi come assistenti di vendita, stanno prendendo piede un po’ dappertutto al punto che stanno rendendo alcune app obsolete e sono degli asset a mio parere estremamente strategici per il Marketing Immobiliare!

Il mercato immobiliare è un business in cui la relazione umana è alla base di ogni trattativa quindi va detto che i Chatbot non possono ancora sostituire la figura dell’agente ma vi garantisco che sono molto efficaci nella fase iniziale del processo d’acquisizione del potenziale cliente (sia che egli debba vendere o acquistare) per la facilità con cui le persone si stanno abituando al loro utilizzo.

Ho installato Chatbot Messenger specifici per questo settore nei siti web e nelle pagine Facebook di moltissime agenzie immobiliari e grazie ad essi gli agenti hanno sempre ottenuto un numero (crescente) di contatti da parte dei potenziali clienti.

Quando utilizzare un Chatbot immobiliare

Con la mia esperienza ho capito che quando un utente entra nel sito di un’ agenzia immobiliare è affamato di informazioni ma allo stesso pigro e con poca voglia di cercare attraverso i sistemi canonici che trova, quando vede una chat non si lascia scappare l’occasione di aprirla e iniziare a fare domande, beh è proprio a questo punto, se nella chat è presente un Chatbot, che è possibile iniziare a sviluppare una conversazione guidata fino a portare il visitatore a contattare l’agenzia immobiliare.

Vediamo un esempio:
Immagina un tuo potenziale cliente che entra in chat e viene accolto da un messaggio di benvenuto seguito da un chiaro invito ad interagire per scegliere e trovare velocemente ciò a cui è interessato!

Guarda lo screen sottostante estrapolato da uno dei nostri Chatbot Immobiliari, come vedi l’utente ha 2 pulsanti, per consentirgli di chattare direttamente con l’agente oppure chiamare telefonicamente oltre a 3 pulsanti con i quali scegliere se deve: affittare, vendere oppure comprare!

Dopo che ha fatto la sua scelta il chatbot chiederà automaticamente all’utente il luogo e la tipologia di immobile dove intende affittare oppure acquistare; nel caso invece di compravendita le principali caratteristiche di ciò che intende mettere in vendita, iniziando così una conversazione con il potenziale cliente che successivamente potrà essere contattato dall’agente.

Conclusioni finali

Questa è una strategia multicanale che permetterà alla tua Agenzia Immobiliare da un lato di risparmiare tempo ed energie offrendo risposte rapide ed efficaci, alleggerendo il carico di lavoro in agenzia e di identificare “facilmente” utenti con specifiche esigenze in merito all’acquisto, vendita o affitto di un immobile, grazie alla spontaneità conversazionale che possiamo creare con una chat!

Chatbot e chat possono essere inserite nel sito web, nella pagina Facebook oppure essere la destinazione finale di una Facebook ADS.

Se sei interessato ad avere maggiori informazioni sui nostri Chatbot Immobiliari clicca —> QUI <— per entrare in contatto con il Chatbot di FRUTTI DIGITALI.

Summary
Chatbot per Agenzie Immobiliari
Article Name
Chatbot per Agenzie Immobiliari
Description
Integrare un chatbot come fattore differenziante dal resto delle altre agenzie immobiliari è una delle scelte migliori che un agente immobiliare può fare per trovare nuovi clienti.
Author
Publisher Name
Frutti Digitali - Agenzia Web Markentig & SEO
Publisher Logo
Ti è piaciuto l'articolo? Condividi!