Nelle puntate precedenti abbiamo visto quanto fosse importante raccontare la storia della propria impresa. Ogni storia, per raggiungere il dovuto successo, ha bisogno di essere raccontata, tramandata e quindi ripetuta. La ripetizione è sempre stata una grande alleata della pubblicità. Io, per esempio, ero particolarmente affezionata ad ”Ava, come lava!”. O forse ero più affezionata a Calimero. Ma questo non è importante adesso.

Molti sanno cosa sia un claim o uno slogan, un po’ meno cosa sia un mantra.

Scopriamolo insieme cos’è un mantra e quali sono le sue caratteristiche:

Le parole d’ordine per un buon mantra sono:

  • brevità
  • positività
  • focus esterno

Generalmente composto da quattro o cinque parole deve riuscire a catturare l’essenza del credo aziendale. Un esempio celebre può essere quello di Nike: “Authentic athletic performance”

Il mantra ha tutto ciò che ci serve per convincere le persone a credere nel tuo prodotto e alle tue idee tanto quanto ci credi tu, è il tragitto da seguire per raggiungere il traguardo. Ogni componente dell’azienda dovrebbe ripeterselo, ogni giorno, per rimanere sul focus della sua impresa.

Ma chi si preoccupa di diffondere quello in cui l’azienda crede in tutto il mondo? Beh, esiste una figura apposita, quella dell’Evangelist Marketing.

Un evangelista è colui che parla in maniera spontanea di un determinato prodotto, o brand, soltanto perché ne è un appassionato. Il suo scopo è quello di comunicare l’essenza stessa del marchio e per fare ciò si avvale, appunto, del mantra.

Giunti a questo punto ti starai forse chiedendo: perché parlare di Evangelist Marketing?

Perché contribuisce in maniera definitiva alla credibilità del marchio attraverso il vecchio sistema del passaparola.

Hai già trovato un mantra per la tua impresa?

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi!